Rimini. Spara al ladro, pensionato finisce a processo. NQ di Rimini

Nuovo Quotidiano di Rimini: Il giovane, condannato a 2 anni e 4 mesi per il colpo nell’abitazione, denunciò l’uomo la cui moglie subì la frattura del piede / Sparò al bandito, finisce alla sbarra / Riminese 67enne è accusato di lesioni, il rapinatore adesso gli chiede i danni / Si ritrovò il malvivente in casa e dopo una colluttazione lo ferì con una fucilata

RIMINI – Si ritrovò il ladro in casa. Armato di taglierino. Era notte fonda e il malvivente, M.C., un 19enne originario dello Zambia, era penetrato nella villetta in via Lazio di proprietà di una coppia 67enne per rubare dei soldi. Ne nacque una colluttazione che terminò con una fucilata sparata dal padrone di casa che centrò l ’extracomunitario. Ebbene, nonostante il rapinatore sia stato condannato a 2 anni e 4 mesi per rapina, adesso alla sbarra è finito il riminese: lesioni personali gravi, l’accusa nei suoi confronti. E non solo: il bandito gli ha anche chiesto i danni. E, mercoledì, difeso dagli avvocati Moreno Maresi e Mattia Lancini, il 67enne si è presentato davanti al giudice monocratico del tribunale di Rimini per l’inizio del processo. I fatti risalgono alla notte tra il 30 e il 31 luglio 2011, quando M.C. s’introdusse, intorno alle 3 di notte, nell’abitazione. (…)

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy