Rimini. Tre arresti effettuati dalla Squadra Mobile per spaccio di droga

“Il 25 maggio scorso, gli agenti della Polizia di Stato di Rimini hanno tratto in arresto in flagranza tre persone – due ragazzi riminesi di 21 e 22 anni ed un cittadino marocchino di 26 anni, tutti residenti in città – per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio”.

Ne dà notizia la questura di Rimini, che precisa come, “nel corso di un servizio di prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, l’attenzione dei poliziotti della locale Squadra Mobile – Sezione Antidroga, si è concentrata sull’appartamento di residenza del 22enne, in relazione al quale erano state raccolte alcune notizie circa una sua possibile disponibilità di sostanza stupefacente.
Dopo avervi visto uscire un ragazzo – identificato poi nel riminese 21enne – e ritenendo che questi vi si fosse recato per l’acquisto di stupefacente, i poliziotti hanno proceduto al suo controllo, trovandolo in possesso di una busta contenente circa 120 g di marijuana e 10 g circa di ice o lator (una polvere di colore marrone chiaro, ottenuta mediante l’estrazione a freddo della resina dai fiori e dalle foglie delle piante di cannabis. La particolarità della sostanza ottenuta tramite tale tecnica di lavorazione è l’elevata concentrazione di THC, che può arrivare sino al 90%, elemento questo che ne fa lievitare il prezzo di spaccio al dettaglio sino a 70 € al grammo).
La successiva perquisizione presso la sua abitazione ha consentito di rinvenire altri 20 g di hashish, 10 g di ice o lator, 13.850 euro e materiale utile per il confezionamento.
All’atto di effettuare la perquisizione domiciliare presso l’abitazione monitorata, poi, è stato visto arrivare un altro soggetto – poi identificato nel marocchino 26enne – il quale, alla vista degli agenti, è immediatamente fuggito.
Bloccato dopo un breve inseguimento, è stato trovato in possesso di due panetti di hashish per un totale di 200 g, nascosti all’interno delle mutande.
La perquisizione domiciliare effettuata a suo carico ha consentito di rinvenire altri 5,5 kg di hashish, suddivisi in cubi contenenti 4 panetti ed avvolti da cellophane di colore rosso. La perquisizione effettuata presso l’appartamento monitorato, infine, ha consentito di rinvenire 1,5 kg tra hashish, marijuana e ice o lator, 2.445 euro, materiale per il confezionamento, bilancini di precisione e macchine per il sottovuoto.

In ragione di quanto emerso dall’attività svolta, quindi, su disposizione del P.M. di turno gli arrestati sono stati tradotti presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’A.G. in attesa del giudizio di convalida”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy