Rimini. Truffa lo Stato russo: «Accusato perché contro Putin»

Truffa lo Stato russo: «Accusato perché contro Putin»

Fermato a Riccione un 38enne condannato per aver sottratto 30 milioni di euro. Lui si difende: «Mi hanno incastrato»

È accusato di aver sottratto allo Stato russo 187 milioni di rubli, l’equivalente di 30 milioni di euro. Per questo motivo è stato condannato a dieci anni di reclusione nel suo paese d’origine, per truffa e distrazione di fondi statali. Ma lui, un 38enne ex imprenditore nel settore del commercio di auto, ha respinto categoricamente ogni accusa, spiegando di essere perseguitato in quanto è «un oppositore politico» del presidente russo Vladimir Putin. Contro di lui è stato diramato un mandato di cattura internazionale e mercoledì scorso l’uomo è stato rintracciato dagli agenti della squadra mobile di Rimini in un hotel quattro stelle di Riccione, dove aveva prenotato una camera.I poliziotti sono venuti a conoscenza della sua presenza attraverso le comunicazioni obbligatorie trasmesse dalla struttura alla Questura e hanno fatto scattare il blitz, trovandolo a passeggio con la moglie nelle strade della Perla Verde (…)

Articolo tratto da Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy