Risposta di Nps alla Muratori sulla Commissione d’Inchiesta

Sotto la spinta dell’opposizione sugli esiti della Commissione di Inchiesta e dei militanti di base, che manifestano la propria insoddisfazione per la linea di condotta tenuta dai loro vertici, i dirigenti di Sinistra Unita non reggono più. Lo ha dimostrato Vanessa Muratori, la quale ha rilasciato alla stampa farneticanti dichiarazioni, palesando tutta la sua difficoltà a giustificare l’atteggiamento tenuto di fronte a fatti, dati, circostanze, documenti e testimonianze che inchiodano personaggi dell’attuale maggioranza a pesanti responsabilità sulla vicenda “casinò”, e che invece, la rappresentante di S.U. e i suoi compagni, hanno deliberatamente ignorato.

Vedere i rappresentanti di Sinistra Unita fare quadrato attorno ad Alvaro Selva, il quale, con la stesura della Relazione Finale della Commissione di Inchiesta redatta grazie alla complicità dei commissari di maggioranza, di cui Vanessa Muratori faceva parte, macchiandosi di un atto di inaudita gravità; assistere alla compiacenza nei confronti di personaggi che hanno utilizzato il buon nome della Repubblica e incarichi Istituzionali, e millantato credito per giungere a vantaggi personali, è stato davvero avvilente.

Evidentemente lo strapuntino sul quale si sono seduti nel Governo i Sinistri Uniti, gli fa perdere il lume della ragione e dimenticare le ragioni della questione morale che hanno difeso fino ad ieri.

Sulla Commissione di Inchiesta i casi sono due: o sono in malafede o ancora non hanno capito. Non sappiamo dire quale delle due ipotesi sia più grave.’

L’UFFICIO STAMPA – Nuovo Partito Socialista

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy