San Marino.“Non è politica del selfie, ma rapporti e confronti con colleghi italiani”

L’informazione di San Marino

Mularoni e Canti (Dc): “Non è politica del selfie, ma rapporti e confronti con colleghi italiani”

Antonio Fabbri

I consiglieri della Dc Mariella Mularoni e Stefano Canti replicano al nostro articolo di ieri sull’incontro con il ministro Salvini a Milano Marittima. Non è piaciuto, in particolare, che si sia parlato di “politica del selfie”.

Scrivono i due consiglieri Dc: “In merito all’articolo pubblicato sull’Informazione in data 5 agosto u.s., relativo all’incontro che alcuni esponenti del gruppo consigliare del Partito Democratico Cristiano Sammarinese avrebbero tenuto a Cervia Sabato 3 agosto u.s., vogliamo precisare che l’incontro è avvenuto nell’ambito della Festa Nazionale Lega Romagna, nelle strutture appositamente allestite nel Piazzale dei Salinari (Cervia), dove il Ministro degli Interni On.le Matteo Salvini ha tenuto il suo comizio e non all’interno del Papeete Beach come simpaticamente riportato da un quotidiano sammarinese.

La Festa Nazionale Lega Romagna è un appuntamento politico importante durante il periodo estivo, un’occasione di dibattito a cui partecipano sempre personalità politiche della Lega – infatti oltre al Ministro degli Affari Interni On.le Matteo Salvini sul palco erano presenti il Ministro agli Affari Europei On.le Lorenzo Fontana, Segretario Lega Romagna On.le Jacopo Morrone, Capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati On.le Riccardo Molinari ed altri – con alcuni dei quali gli esponenti del PDCS, su invito dei rappresentanti della Lega locale, si sono trattenuti per un saluto e per scambiarsi alcune considerazioni su tematiche di interesse comune, del resto la politica è fatta anche di rapporti, dialogo e confronto. Spiace vedere come la politica fatta di rapporti e confronti aperti con colleghi parlamentari Italiani su temi cruciali del nostro Paese, venga in malomodo strumentalizzata da alcuni quotidiani abbassandola alla “politica del selfie” anziché evidenziarla positivamente”.

Nel prendere atto della replica dei consiglieri democristiani, va sottolineato che i titoli dei giornali italiani di questi giorni citano: “Festa della lega al Papeete, Salvini fa il dj”, e sottolineano la location del “Papeete beach di Milano Marittima dove il ministro dell’Interno ha ‘trasferito il suo ufficio’ in questi ultimi giorni”.

Inoltre, il particolare della localizzazione del post evidenziava: “Mariella Mularoni si trova qui: Milano Marittima Beach”, più che Cervia, che per carità è lì a due passi. Quindi, il fatto che l’incontro sia avvenuto in piazza o poco distante, non ha una importanza così determinante. Invece, piaccia o non piaccia l’espressione, sempre “politica del selfie” rimane.

Magari può portare pure consensi, di certo, come sottolineato nell’articolo di ieri sulle faccende del “prima gli italiani” o delle posizioni tenute sul “caso Siri”, porta innanzitutto controsensi

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy