San Marino, Atto K. Fingestus faceva ricadere su clienti non solvibilita’ della finanziaria

Antonio Fabbri, L’Informazione di San Marino: Nell’atto K l’allegra gestione del credito in Fingestus s.a. / Secondo il memoriale agli atti dell’indagine Criminal minds una clausola vessatoria faceva ricadere sui clienti che avevano già pagato la non solvibilità della finanziaria

[…]

Nel memoriale K, […] si legge che la
Fingestus s.a. “effettuava prestiti
finanziari a soggetti ed imprese
italiane e sammarinesi in difficoltà,
con la clausola (scritta microscopica)
che, qualora la Fingestus
s.a. non avesse ottemperato al
pagamento delle rate alla Banca
emittente, il pagamento rimaneva
a carico del cliente interessato al
finanziamento”.

Secondo quanto
riferisce Vargiu, quindi, negli
accordi per i crediti concessi da
Fingestus compariva una clausola
vessatoria che scaricava sul debitore
le responsabilità di rifondere
quanto prestato alla banca che
emetteva il finanziamento a Fingestus,
che a sua volta lo girava
al cliente.

Ma cosa accadeva se
Fingestus non pagava la banca?
Lo spiega ancora lo stesso Atto K
indicando la Bac – che ricordiamo
ha disconosciuto i contenuti
di questo documento
– come la
banca di riferimento di Fingestus.
Prosegue l’Atto K, i cui contenuti
sono comunque al vaglio degli inquirenti:
“Allo stato attuale (l’atto
reca la scritta in calce “finito
di dattiloscrivere il 25.03.2010”,
ndr.) Fingestus s.a. risulta in liquidazione
volontaria; non pochi
soggetti sammarinesi ed italiani,
che sono stati colpiti da lettere
di diffida della Banca Agricola
Commerciale, con richieste di
pagamento delle rate scadute,
(decine di milioni di euro) mai
versate da Fingestus, nonostante
detti soggetti abbiano documentato
il pagamento tramite Fingestus
stessa. Alcuni rischiano
infatti di avere beni sequestrati e
non riescono a disbrigare la matassa”.

[…]

 

Ascolta il giornale radio di oggi

Oggi i Giornali parlano di…

Webcam Nido del Falco

Meteo San Marino di N. Montebelli

Vignette di Ranfo

Accadde oggi, pillola di storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy