San Marino, Bcs. Lettera aperta degli azionisti

San Marino. Lettera aperta degli azionisti di Banca Commerciale Sammarinese, attualmente commissariata, a seguito di una decisione di Banca Centrale della Repubblica di San Marino. Decisione  fortemente contestata dai partiti di opposizione  e sostenuta, in quanto a legittimità, anche oggi dal Governo.

Eppure la nostra Banca non può certo definirsi “la maglia nera” del sistema
bancario: ha interamente versato (ed è una delle poche) la riserva obbligatoria,
ha chiuso la semestrale del 2011 con un “utile di gestione” di circa 1,3 milioni
di Euro (ben superiore a quello conseguito nello stesso periodo del 2010), non
ha mai richiesto (per non averne avuto bisogno) alcun prestito di ultima
istanza, né alla autorità Centrale né tanto meno alle altre banche del
sistema.
La motivazione del commissariamento consisterebbero – così si legge
nel provvedimento – principalmente nelle gravi irregolarità commesse nel passato
(i fatti in questione risalgono e si fermano al 2008.

Vedi il testo della comunicazione pubblica degli azionisti Bcs

Leggi l’intervista del direttore Valerio Benvenuto a libertas.sm

Proprietà della Banca
Commerciale Sammarinese

AZIONISTI >5%

Quota % Nome e Cognome/Denominazione Paese di residenza
34,3619% Se.fi
s.a
. (30% ante 28-10-2011, data agg. libertas)
SAN MARINO
24,3496% Trecentouno
s.a
. (39% ante 10-8-2011; 29,75% ante 28-10-2011, date agg. libertas)
SAN MARINO
24,034% Biciesse s.a. (23%,ante 28-10-2011, data agg.
libertas)
SVIZZERA
17,2545% Finproject
s.a.
(8% ante 10-8-2011, 17,25 ante 28-10-2011,  date agg. libertas)
San Marino
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy