San Marino. Belluzzi: “Troppo presto per un mio ripensamento sulle dimissioni”

Lettera anonima: scagionato dall’accusa, parla Iro Belluzzi

ANTONIO FABBRI – Nei giorni scorsi l’archiviazione del consigliere di Npr, Iro Belluzzi, scagionato dall’accusa legata a una lettera anonima nella quale, a quanto si sa, erano contenuti insulti ad altri consiglieri e anche a un Capitano Reggente. La vicenda, inevitabilmente, ha avuto anche risvolti politici, tanto che le forze politiche di Npr, con diverse sfumature, sono intervenute all’indomani della notizia dell’indagine. Indagine che per Iro Belluzzi è finita con l’archiviazione per la sua estraneità ai fatti. (…)

Quali sono le motivazioni dell’archiviazione e perché, secondo lei, è stato indagato? “Ho ricevuto la comunicazione giudiziaria, e pertanto sono stato indagato, perché qualcuno ha fatto il mio nome come responsabile del fatto in accusa: sono stati sufficienti un paio di settimane al commissario della legge e alla Polizia Giudiziaria della Gendarmeria per arrivare alla conclusione che quanto prospettato a mio carico era del tutto inattendibile. Riguardo la seconda parte della domanda so perfettamente chi mi ha accusato, ma non conosco se questi abbia agito da solo o sia stato ispirato, ma se anche lo sapessi non potrei certo dirlo pubblicamente essendo accertamenti, questi, di competenza della magistratura che ci sta ancora, da quanto so, lavorando, nella quale ripongo fiducia”.

L’indagine, pare di avere capito, andrà dunque avanti. Che cosa si attende? “Mi attendo che se vi è un livello superiore, ispiratore di chi mi ha accusato, emerga”.

Aveva legato alcune sue scelte politiche al fatto di doversi difendere. Adesso che il caso, almeno per quanto riguarda l’accusa nei suoi confronti, è chiuso, pensa di poter riconsiderare le dimissioni dalla Commissione Affari di Giustizia? “È ancora troppo presto per dirlo. Quelle dimissioni sono state il frutto di un ‘confronto’ con i partiti di riferimento dopo la seduta del consiglio giudiziario plenario del 13 luglio scorso, come è stato evidenziato da un comunicato di Psd e Md di qualche giorno dopo. È vero che non sono più indagato, ma quanto accaduto mi ha portato a toccare con mano quanto l’attuale scenario in cui ci si trova a fare politica sia lontano da livelli fisiologici e, almeno per me, di tollerabile conflittualità. Le prossime settimane spero, anche alla luce degli eventuali sviluppi giudiziari, mi siano di chiarimento anche sul mio impegno pubblico”.

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino

Leggi l’articolo integrale di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 23

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy