San Marino. Conto Mazzini: gli indagati Upr si dimettono dalle cariche di partito. Corriere Romagna

Patrizia Cupo – Corriere Romagna: Due consiglieri indagati non lasciano il Parlamento. «Scelta serena, tuteliamo la nostra onorabilità e dimostriamo rispetto a chi ci ha dato fiducia» / Upr, dimissioni ma solo un po’ / Gasperoni, Lonfernini e Menicucci rinunciano solo agli incarichi di partito

SAN MARINO. Conto Mazzini, gli indagati dell’Upr si dimettono dagli incarichi politici di partito (ma non dal Consiglio): «Lo facciamo per tutelare la nostra onorabilità e per dimostrare il nostro rispetto a chi ci ha dato fiducia». Le difese pronte a chiedere i rinvii degli interrogatori che erano fissati già da questa settimana, intanto la petizione on line che chiede ai partiti di sospendere gli indagati per corruzione e riciclaggio, ha già oltrepassato le 300 sottoscrizioni: nelle ultime 24 ore, raddoppiate le firme. (…)

Rimangono in Consiglio. Rimarranno invece in Consiglio Lonfernini e Gian Marco Marcucci, quarto degli indagati aderenti all’Upr. «E’ un a scelta serena – aggiunge a voce Lonfernini -. Avremmo potuto tranquillamente mantenere gli incarichi politici perché la nostra condizione non è quella di imputati o condannati. Siamo convinti che nelle prossime settimane chiariremo tutto e usciremo a testa alta da questa vicenda».

La petizione. Dopo l’esplosione dell’inchiesta sul conto Mazzini e poi del caso Poggiali , ha preso quota la petizione on line voluta dall’ex consigliere di Sinistra unita Alessandro Rossi. A ieri, erano più di 300 le firme, addirittura raddoppiate nelle ultime 24 ore.


altarimini.it

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy