San Marino. Csu: verso un nuovo sciopero contro la riforma tributaria. Nuovo Quotidiano di Rimini

Nuovo Quotidiano di Rimini: Il Governo si è fatto beffe della volontà popolare” / Riforma tributaria / La Csu pronta a un nuovo sciopero

SAN MARINO – Sarà ancora sciopero generale. Ad annunciare la definitiva rottura con l’esecutivo, in merito alla riforma tributaria, la Csu che ha annunciato la mobilitazione in concomitanza con la prossima riunione della Commissione Finanze. “Il governo ha deciso di farsi beffe della volontà popolare dimostrata dalla oceanica manifestazione del 24 settembre scorso e di sposare in pieno il diktat dei poteri forti -ha attaccato il sindacato-. È quanto emerge chiaramente dal nuovo testo di progetto di riforma tributaria inviata mercoledì dalla Segreteria Finanze, dopo un’attesa di un mese. È un progetto completamente irricevibile e da rigettare perchè fa ancora pagare molto di più ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, mentre va addirittura ad abbassare notevolmente la già esigua imposizione fiscale prevista per i lavoratori autonomi”. Secondo la Csu, se la riforma venisse approvata, il reddito medio da lavoro dipendente, pari a 25.000 euro, pagherebbe oltre tre volte in più rispetto alla situazione attuale. Per quello da lavoro autonomo dichiarato di 20.000 euro, imponibile ottenuto attraverso una lunghissima serie di sgravi non consentiti ai lavoratori dipendenti, avrebbe una tassazione più che dimezzata. “La Csu ha richiesto un incontro ai segretari e a capi gruppo dei partiti della maggioranza, in programma nel pomeriggio di martedì, affinché non avviino il progetto in commissione. In caso contrario – hanno concluso le parti sociali -, si assumeranno la piena responsabilità di uno scontro sociale dalla portata inimmaginabile”. (…)

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy