San Marino. Il governo salta via del Voltone, Marino Cecchetti

Il governo salta via del Voltone

Marino Cecchetti

Il Governo a fine maggio quasi per intero – tanto era folta la delegazione – si è trasferito a Roma per sondare, fra l’altro, la possibilità per il nostro sistema bancario di operare fuori territorio.

Il Paese è rimasto scottato dalla esperienza, disastrosa, della Piazza Finanziaria che, attorno al 2000, ha calamitato, qui, mariuoli di mezzo mondo e quei di Banca Centrale (Bcsm) si sono messi a fornire  “collaterale assistenza” (giudici Conto Mazzini) anziché svolgere con rigore e competenza il loro compito di vigilanza.

A Roma si è parlato di un nuovo rapporto con l’Europa, nel settore della vigilanza finanziaria, col Presidente del Consiglio Mario Draghi e col Ministro dell’Economia Daniele Franco. Ne hanno riferito i Segretari di Stato Luca Beccari e Marco Gatti. Senza citare Bcsm.

Su Bcsm si riporta il giudizio espresso a ottobre 2020 dal consigliere del Partito Democratico Cristiano Sammarinese, Stefano Giulianelli: “Ha completamente fallito la sua missione istituzionale perché, da oltre quindici anni a questa parte, non è mai stata in grado di intervenire anticipatamente sulle crisi bancarie che hanno interessato i nostri istituti di credito. Da SMIB al Credito Sammarinese, da Euro Commercial Bank a Banca Commerciale Sammarinese, da Asset a Banca CIS, passando per Banca Partner: quanti dissesti potevano essere anticipati esercitando un’attività di vigilanza più adeguata e tempestiva?”. E ancora: “È lecito domandarsi se i controlli che la nostra Banca Centrale esercita attualmente sulle banche rimaste siano sostanziali e veramente efficaci oppure si limitino ad un approccio formale o fine a se stesso. ”.

In questo stato di cose, Il Governo salta via del Voltone e punta direttamente su Bruxelles con l’aiuto di Roma.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy