San Marino. Il programma dello sciopero generale del 24 settembre indetto dalla CSU

Prosegue l’organizzazione dello sciopero generale proclamato dalla CSU per l’intera giornata di martedì 24 settembre con manifestazione in Pazza della Libertà, in concomitanza con la riunione del Consiglio Grande e Generale.

Questo il programma dello sciopero proclamato dalla CSU, visto l’esito negativo del confronto fin qui svolto con la delegazione di Governo.


8.30 – Raduno in Piazzale delle Nazioni (ex Piazzale Bellucci, di fronte all’entrata superiore del parcheggio coperto);

9.00 – Partenza del corteo fino a Piazza della Libertà;

10.30 – Interventi dei Segretari Generali di CSdL e CDLS.

All’ingresso del parcheggio coperto in via Gino Giacomini e in via N. Bonaparte, verranno distribuiti ai partecipanti allo sciopero i biglietti per parcheggiare gratuitamente.

La CSU invita tutti a partecipare allo sciopero e alla manifestazione in Piazza della Libertà: lavoratori, disoccupati, cassaintegrati, lavoratori in mobilità, studenti, pensionati, cittadini.

– Per cambiare una riforma tributaria che aumenta a dismisura la tassazione dei lavoratori dipendenti e dei pensionati: per un reddito da lavoro medio, il prelievo fiscale con questo progetto è di sei volte quello attuale, per i pensionati viene cancellata almeno una mensilità;


– Per applicare strumenti di accertamento ed emersione di tutti i redditi attraverso l’utilizzo dello scontrino fiscale, della fattura e della tracciabilità attraverso la Smac Card.


– Per introdurre efficaci misure di controllo per combattere la diffusissima elusione/evasione fiscale.

– Per una Spending review che elimini gli sprechi e garantisca trasparenza e concorrenza negli appalti.

Con lo sciopero generale di martedì non si esaurisce la mobilitazione sindacale per affermare l’equità e la giustizia sociale. Fino a quando non si raggiungeranno risultati concreti, proseguiranno le iniziative sindacali per raggiungere una legge giusta, che recepisca le proposte e richieste avanzate dalla CSU nel documento inviato al Governo il 17 settembre.

Proposte finalizzate a realizzare una riforma fiscale giusta, che in un quadro di equità tuteli i redditi da lavoro e da pensione, soprattutto quelli bassi e medi, e sia in grado di mettere fine al gravissimo fenomeno della evasione/elusione fiscale chiamando tutte le categorie del lavoro autonomo a contribuire secondo i propri redditi reali.

CSU

[Comunicato Stampa]

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy