San Marino immobile. La Svizzera preme sull’Italia con IlSole24Ore

Fortissima pressione sull’Italia  da parte della Svizzera, perché accetti le condizioni concordate con Germania e Gran Bretagna a salvaguardia del segreto bancario, con una ondata di articoli su IlSole24Ore.  mentre continua il silenzio sull’incontro delle delegazioni parlamentari italo-elvetiche in cui era stato previsto che si sarebbe parlato anche di San Marino. 

Hanno scritto fra altri:

Rosanna Acierno : L’analisi / Il doppio prezzo del segreto bancario Germania e Regno Unito hanno fatto da battistrada, firmando ciascuno
un’apposita intesa con la Svizzera che prevede, tra l’altro,
l’applicazione di un prelievo sul patrimonio e sui rendimenti ivi
detenuti pur mantenendo il segreto bancario

Marco Mobili – Giovanni Parente: Manovra e mercati Dopo Germania e Gran Bretagna, Berna punta all’accordo anche con l’Italia / Conti esteri nel mirino  / Contatti con la Svizzera: anonimato per chi paga le tasse 
Possibili nodi:  Da valutare gli effetti su chi ha già utilizzato lo scudo fiscale.   Introiti che fanno gola:  Un’intesa potrebbe finanziare anche la riduzione del debitoPartita aperta sui «tesori» oltreconfine  / Contatti informali con la Svizzera mentre i tecnici studiano gli accordi di Germania e Gran Bretagna

….. : Il bilancio. I negoziati bilaterali  / Italia a passo lento sui paradisi  / A guardare il sito dell’Ocse, l’Italia è decisamente in ritardo rispetto agli altri Paesi europei sulla firma di accordi bilaterali contro l’evasione fiscale internazionale.

Lino Terlizzi: La finalità: Gli accordi mirano a garantire ai Paesi introiti rilevanti. Quanto si paga:  Doppia ritenuta una per sanare il passato, l’altra sui rendimenti  /Capitali in Svizzera: Berlino e Londra fanno da apripista Capitali in Svizzera: Berlino e Londra fanno da apripista Berna molto
propositiva, anche con Italia e Francia – La Grecia ha aperto le
trattative

Francesca Barbieri: Agrigento e Benevento le province con il tasso più alto di evasione potenziale La mappa delle black list d’ItaliaLe dimensioni del fenomeno:  In base ai dati di Sintesi coinvolto il 20% dei contribuenti. Virtuosi sulla carta:  A Trieste, Genova e La Spezia  si registrano i livelli più bassi

Diego Avolio – Benedetto Santacroc: I «nuovi» trattati. La compatibilità con gli organismi internazionali   / Strategia che spiazza più la Ue che l’Ocse / La breccia nel segreto: Previsto l’impegno elvetico di fornire il nominativo dei contribuenti
sui quali sussiste il fondato sospetto di irregolarità tributarie

 Raffaello Lupi: L’analisi / Se l’evasore “fugge” prendiamoci almeno la tassa / I ‘conti esteri” suscitano istintivamente sospetto e disapprovazione,per
la convinzione che il titolare abbia qualcosa da nascondere, spesso al
fisco

 

 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy