San Marino. La ‘Madonna del Voltone’ stavolta esagera. La Voce di Romagna

R.B. – La Voce di Romagna: La ‘Madonna del Voltone’ stavolta esagera / Banca Centrale: premi di produzione elargiti con eccessiva faciloneria ed un referendum che bussa alle porte

Il premio di produzione è un incentivo dato dalle aziende sane, con i bilanci in regola, a quei collaboratori che hanno raggiunto obiettivi e risultati tali da meritare un premio extra. Come si possa dare un premio da parte di un Ente che perde oltre 3 milioni e mezzo di euro che a bilancio ha come voce principale di costo stipendi per oltre sette milioni, è un vero mistero. E’anche il contrario di quei principi di sana e prudente gestione, che Banca Centrale impone ai suoi Vigilati. Quei premi produzione, hanno aggravato la perdita di Bilancio 2015, ma la prudente gestione è solo quella degli altri e non quando riguarda il portafoglio di Lor Signori. I Maestri della forma, gli esegeti di un regolamento, fatto da loro e per loro, senza garanzie per i Vigilati sono una vergogna che già per il passato La Voce ha portato all’attenzione dei lettori.  (…)

Possibile che la politica, che a parole, parla di sacrifici comuni, di democrazia, di eguaglianza fra tutti i cittadini, possa accettare una Banca Centrale che finisce solo per fare le aste dei beni sequestrati e irrogare sanzioni ai soggetti vigilati che li mantengono, con altissimi contributi di vigilanza. Formalmente hanno il diritto d’avere questi stipendi e questi premi, ma dove sono quelli che li hanno autorizzati? Dormivano quella notte in Consiglio? Banca Centrale risponde solo a se stessa. Lì è il problema, manca un serio sistema di controlli e di norme che non siano interpretabili a discrezione e comodità di lor Signori. Quando un’azienda perde gli stipendi dovrebbero diminuire. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy