San Marino. “Le figlie di Auschwitz. La storia mancante” in scena il 26 gennaio a Fiorentino

Sarà “Le figlie di Auschwitz. La storia mancante” ad andare in scena il 26 gennaio a Fiorentino, una lettura scenica a conclusione del Laboratorio Voci/Teatro Officina Zimmermann in collaborazione con il Centro Sociale di Fiorentino.

Questa l’iniziativa per il Giorno della Memoria promossa dal Centro Sociale di Fiorentino.

Il lavoro si ispira alle testimonianze autobiografiche di due donne: l’una, figlia ebrea sopravvissuta ad Auschwitz; l’altra, figlia di una guardiana dello stesso campo di sterminio. Vite parallele, che a ritroso nel tempo, fanno emergere la difficile relazione con la propria madre, tra affetto e accuse, invocazioni di chiarezza e istanze sul senso di giustizia.
Le domande che le protagoniste si pongono, rappresentano un punto di vista particolare sul campo di sterminio per antonomasia: Auschwitz ed è un’occasione interessante per riflettere sull’importanza della memoria in relazione al presente. In effetti, “Voci” il progetto-contenitore, realizzato da diversi anni a questa parte, dal Centro Sociale di Fiorentino e da Officina Teatro Zimmermann, si propone di attuare laboratori e letture sceniche sulle tematiche connesse alla “Giornata della Memoria” (27 gennaio) e alla “Giornata Mondiale contro la Violenza di Genere” (25 novembre).
La rappresentazione “Le figlie di Auschwitz. La storia mancante” avrà luogo presso la sala teatro del Centro Sociale di Fiorentino, alle ore 21.00 di giovedì 26 gennaio. Per info 3356955109; ute@teatrozimmermann.it
Lo spettacolo fa parte delle iniziative dedicate alla “Giornata della Memoria 2023″, indette dalla Segreteria di Stato per la Cultura e dagli Istituti Culturali”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy