“Inutile promuovere San Marino all’estero se poi non si consente alle aziende di aprire un conto corrente”

L’avvocato e notaio sammarinese Luca Della Balda scrive una lettera aperta ai Segretari di Stato sollevando il velo su un problema importante legato alla possibilità per aziende e imprenditori esteri di investire a San Marino.

“Cari Segretari di Stato Fabio Righi , Federico Pedini Amati, Luca Beccari, Marco Gatti, Teodoro Lonfernini e Andrea Belluzzi, vi stimo e vi rispetto, però vi prego, non impegnatevi più a promuovere San Marino all’estero, a cercare di attrarre investitori, ad avviare iniziative e joint venture internazionali, a emanare leggi innovative che possano riscuotere l’interesse e la curiosità di imprenditori stranieri… Sono iniziative lodevoli, che anch’io se fossi al vostro posto farei, ma credetemi, è tutto tempo sprecato.
Lo sapete, vero, che le nostre banche, per policy aziendale (Sic!) non aprono conti correnti a società sammarinesi i cui soci sono società estere anche se di paesi in White list? e che non aprono conti correnti a imprenditori stranieri (anche seri e con progetti interessanti per l’economia sammarinese) solo perché i funzionari incaricati non vogliono correre il rischio di vedersi comminare pesanti sanzioni economiche dall’AIF?
e che non aprono conti correnti a società che operano in settori ritenuti “a rischio” (autovetture, etc.) a prescindere, indipendentemente dalla serietà e solvibilità dell’imprenditore ?
Cari Segretari si Stato, o intervenite a “gamba tesa” su AIF e Banca Centrale, facendo capire loro che non viviamo in uno Stato di Polizia, o altrimenti smettete di spendere soldi dei contribuenti partecipando a Expo, o organizzando seminari con Multinazionali… rischiamo solo di fare figure di m….”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy