San Marino. Libera su Rete: “Storia vera di un ex movimento politico”

Libera su Rete: “Storia vera di un ex movimento politico”

Il ritiro della querela da parte del Cda di Carisp sta destando forti critiche e disdegno, anche tra i sostenitori di Rete.

Lo rileva in sintesi anche Libera che scrive:

“Storia vera di un ex movimento politico 1) perdi le elezioni ma fai l’accordo con la Dc, nemico storico, pur di andare al potere e ci fai un governo politico insieme

2) approvi una legge per defenestrare l’attuale Cda di Cassa di Risparmio

3) metti i tuoi uomini nel Cda di Cassa

4) come primo atto (!) fai ritirare la querela e la costituzione di parte civile nel processo contro tuoi esponenti politici di spicco.

I “nuovi” paladini della giustizia: Rete e il Governo dei 44 gatti. Incoerenza”.

Non solo. Libera si domanda anche: “La giustizia è uguale per tutti?” e aggiunge: “Stamattina (ieri ndr) il legale di Cassa di Risparmio ha presentato remissione querela e ritiro costituzione di parte civile nel processo che coinvolge Roberto Ciavatta e Emanuele Santi.

Ecco l’obiettivo del Governo dei #44gatti: salvaguardare il più possibile le posizioni giudiziarie delicate dei propri imputati!

Oggi tocca a Ciavatta e Santi, domani toccherà a quelli del Conto Mazzini?”

In effetti nel processo di ieri c’è stata l’evidenza – se ce ne fosse stato ancora bisogno dopo le leggi ad personam i provvedimenti per mettere le mani sul tribunale – di come la politica e i governo entrino direttamente con provvedimenti o atti di imperio nei processi in corso per influenzarne l’andamento a favore di posizioni personali e in danno di quelle della collettività, considerato che “Cassa di Risparmio è la banca dello Stato e non del governo”, dicevano quelli che comandano adesso prima di usarla per aggiustare beghe personali.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy