San Marino. Matteo Fiorini su La Tribuna Sammarinese

Jeffrey Zani di La Tribuna Sammarinese: L’esponente di Ap ha incassato il consenso di quasi tutto il Consiglio nella nomina a capo di Stato: 55 voti su 58 / Dalla legge ‘rottama’ congressisti alla Reggenza / Matteo Fiorini si racconta: sogno un Paese nel quale “il rapporto fra popolazione e politica sia alto, esigente, proiettato al bene comune”

Matteo Fiorini, 33 anni, giovane consigliere di Alleanza popolare, è stato nominato Capitano Reggente con 55 voti, a fronte dei 31 strappati dal ‘chiacchieratissimo’ Gatti. Un risultato di non poco conto, che lo inserisce fra i capi di Stato più votati della Repubblica. Lui, uno dei promotori della legge che ha chiuso le porte dell’esecutivo a chi aveva già alle spalle dieci anni di governo, si troverà a lavorare fianco a fianco con una delle ‘vittime’ del nuovo limite. Come affronta, a questo punto, il mandato che ha davanti? “Dalle impressioni nate dai primi contatti con Gabriele Gatti – spiega Fiorini – ho capito che a livello personale potrebbe nascere una collaborazione politica che rafforzerà ancora di più il fatto che la mia battaglia non aveva nulla di personale. Io ho un limite di esperienza – prosegue il consigliere – avere di fianco una persona che fa politica in Consiglio da più di 30 anni non mi dispiace. Penso che potremo aiutarci a vicenda”. 

 “Ogni manifestazione che non prevede forme di maleducazione è sintomo di una democrazia viva” 

“Con Gatti potrebbe nascere una collaborazione politica che rafforzerà ancora di più il fatto che la mia battaglia non aveva nulla di personale”.


Vignette
di Ranfo

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy