San Marino nella Ue, una resa. Giorgio Ponziano, ItaliaOggi

Giorgio Ponziano, ItaliaOggi, interpreta il referendum per l’adesione di San Marino alla Unione Europea come una resa del Paese alle richieste del Ministro Italiano dell’Economia Giulio Tremonti. Insomma tutto il contrario di quanto sostenuto dai promotori del referendum, promosso proprio per contrastare Tremonti. Insomma  una “via di fuga dall’Italia“.

Titolo: La decisione serve anche per chiudere la guerra con Tremonti / San Marino nella Ue / Il 27 marzo referendum sull’adesione

Svizzera e San Marino (pur con le debite proporzioni) hanno guardato con sospetto alla nascita dell’Unione europea. La prima neppure accettando l’euro, la seconda ammettendone la circolazione ma con un accordo tecnico  e quindi senza aderire alla Ue e sottoscrivere i trattati.

Adesso il fronte anti-Europa sta franando, proprio mentre l’Ue si trova in difficoltà per i debiti pubblici: la Svizzera ha ceduto in parte sul segreto bancario e promette all’Ue trasparenza e collaborazione, San Marino potrebbe andare più in là e chiedere di diventare un nuovo Stato dell’Unione Europea.

L’adesione all’Ue, coi rigidi criteri imposti in materia finanziaria, potrebbe d’un colpo cancellare l’ira di Tremonti ed evitare la spola tra Rimini e San Marino delle Ferrari variamente colorate.

Ma  a San Marino c’è davvero questa volontà?

Leggi l’articolo di Giorgio Ponziano, Italia Oggi

 

Previsioni
meteo di N. Montebelli
  

Vignette
di Ranfo

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy