San Marino. Non siamo per la gioia maligna, Marino Cecchetti

Non siamo per la gioia maligna

Marino Cecchetti

Si è già avuto modo di stigmatizzare il malfatto – verso la Cina – ordine del giorno sulle telecomunicazioni, approvato in gennaio dal Consiglio Grande e Generale. La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri sta riparando? A fronte delle difficoltà in cui si dibatte quel Paese per il coronavirus, la vicinanza dei Sammarinesi finora, di fatto, si è espressa, pubblicamente,  solo con un invio di materiale da parte dell’Associazione San Marino Cina.

Troppo poco. Manca un’attestazione pubblica corale di solidarietà.

Per noi la Cina non è solo un grandissimo Paese. Il 6 maggio 1971 a Parigi “Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo della Repubblica Popolare di Cina hanno deciso il riconoscersi reciprocamente”, prevedendo anche lo scambio di ambasciatori. Fu un atto importante non solo a favore della – allora – marginalizzata Cina. Infatti, nonostante l’esplicito impegno riconfermato il 6 marzo 1968, l’Italia continuava a non inviare un ambasciatore sul Titano, pur previsto fin dal 1939. Con detto accordo con la Cina, San Marino – ancora senza riconoscimenti a livello diplomatico, perché di fatto stoppati dall’Italia – ha fatto sapere a Roma che avrebbe potuto essere non italiano il primo ambasciatore presso il Governo del Titano.

Noi, insomma, non stiamo con chi, in questi giorni, si sta facendo prendere dalla schadenfreude o gioia maligna, come dicono i tedeschi. E, dato che da Wuhan nel 1911 è iniziata la rivoluzione che abbatté l’ultima dinastia imperiale a Pechino, aspetta che l’emergenza sanitaria diffusasi proprio da Wuhan, provochi, come quella volta, uno sconquasso politico generale nell’immenso Paese.

Noi vogliamo essere in prima fila a esprimere gratitudine ai Cinesi per come conducono la lotta al coronavirus a favore di tutti, nel mondo globalizzato. Abbiamo un motivo in più.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy