San Marino. Osla: stabilità e sviluppo sono possibili se condividiamo soluzioni e scelte

OSLA crede nella possibilità di riscatto e di rinascita per il nostro Paese, a condizione che tutti quanti si parta da alcuni punti fermi.

Dobbiamo avere la piena consapevolezza dello stato delle cose e questo significa che lo slogan TRASPARENZA si deve concretizzare subito in piena e totale condivisione delle informazioni.

Dobbiamo poterci confrontare apertamente e accettare anche lo scontro, perché uno SCONTRO SANO porta alla crescita.
Dobbiamo aprirci al NUOVO abbandonando i pregiudizi e i preconcetti che continuano a tenerci fermi ai blocchi di partenza mentre i Paesi più evoluti corrono verso i nuovi scenari proposti dal futuro a velocità sempre più elevate.

Il Governo ha aperto oggi il confronto con le parti economiche e sociali con l’obiettivo di raggiungere la stabilità del sistema che la mancanza cronica di scelte di politica economica nel tempo ha ormai compromesso. La preoccupazione espressa da OSLA al tavolo dei lavori è che per il reperimento delle ricorse si tenda ad incidere in maniera pesante sul mondo economico, con interventi su IGR, IVA e imposte di forte inasprimento rispetto all’esistente, e in maniera poco incisiva sulla riduzione della spesa pubblica, grande problema per il Paese. Questa tendenza, che purtroppo intravediamo, oltre a schiacciare le aziende esistenti allontanerebbe quelle che potrebbero scegliere San Marino come luogo in cui fare impresa e che potrebbero contribuire ad una rinascita economica e del mondo del lavoro.

OSLA e il mondo economico che rappresenta sono pronti a rimboccarsi le maniche e a condividere scelte dolorose e coraggiose per costruire la San Marino del futuro, con misure sul medio e lungo termine, ma dall’altra parte ci deve essere la massima disponibilità all’ascolto verso chi combatte in trincea ogni giorno, dal momento in cui apre la porta dell’azienda a quello in cui la chiude, e grida la necessità immediata di interventi che restituiscano al Paese l’appeal attrattivo necessario ad una ripresa veloce dell’economia.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy