San Marino. Processo Tercas, Magliani racconta

L’Informazione di San Marino 

Processo Tercas, Magliani e…

Marino Cecchetti

Il 22 gennaio scorso nell’Aula Collegiale della Nona Sezione Penale del Tribunale di RomaGiancarlo Magliani, ex direttore di San Marino International Bank (Smib), delizia l’attento pubblico di curiosi imputati avvocati giudici col racconto di una sua prodezza.  Un bel giorno (10 febbraio 2009) concede sei affidamenti di 500 mila euro cadauno a sei persone diverse di sua conoscenza (una è sua moglie) apponendo lui stesso le firme sui moduli. Poi con altrettanta disinvoltura ritira i tre milioni. Di questi ne deposita 2 sul conto, presso la stessa Smib, di Cinzia Ciampani, compagna all’epoca di Antonio Di Matteo, Direttore della Banca Tercas di Teramo. Il restante milione lo trasferisce in Banca Agricola Commerciale su un conto fiduciario che è nella disponibilità di Gianni Antonucci, un funzionario di Banca Tercas uso a dare ordini, a Magliani, a nome di Di Matteo.

Brutta udienza – come tante altre, del resto, nello stesso processo – per l’immagine del nostro Paese. Magliani non è ignoto al Tribunale sammarinese. A fine 2011 figurava in tre procedimenti avviati sulla base di riferimenti ed esposti di: Patrizio Ettore Cherubini (vigilanza Banca Centrale); Maurizio Bacci (azionista Smib); Maurizio De Marchis (Commissario di Smib in amministrazione Straordinaria). Magliani, contattato da De Marchis, conferma sia verbalmente che per iscritto la versione dei fatti. Al che De Marchis informa il Tribunale. Cherubini a sua volta evidenzia (fra altri) quei fatti ripetutamente al Commissario della Legge, Simon Luca Morsiani.

Come va a finire? Il 14 gennaio 2015 i fascicoli, riuniti, vengono trasmessi dalla Cancelleria Penale al Magistrato Dirigente, dr.ssa Valeria Pierfelici. La quale li manda al Procuratore del Fisco, Avv. Roberto Cesarini. Il quale li restituisce entro i termini impostigli. Il 26 gennaio 2015 la dr.ssa Pierfelici “ne dispone l’archiviazione” in blocco. In gergo si chiama “provvedimento istruttorio di archiviazione processuale”.
Amen.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy