San Marino. Relazione Antimafia. Da brivido. Ecco le conclusioni

Una relazione da brivido quella letta oggi in Consiglio Grande e Generale dal Presidente della Commissione Antimafia della  Repubblica di San Marino.

Terribile.

Sono emerse le prove del  ‘pactum sceleris‘ fra politici  e camorra napoletana, denunciato, a suo tempo,  da un comunicato stampa della Dda, Napoli, firmato da Alessandro Pennasilico.

Dei rapporti tra Fincapital, Livio Bacciocchi, Francesco Vallefuoco, Fiorenzo Stolfi e Gabriele Gatti si trova riscontro in numerosi documenti raccolti e nelle parole di diversi testimoni ascoltati dalla Commissione.

Gli elementi a disposizione sono precisi e concordanti nei dettagli e nei particolari, tali da tracciare un profilo di responsabilità politica a carico di Fiorenzo Stolfi e Gabriele Gatti. /

La Commissione, se da un lato stigmatizza il sistema da sottobosco affaristico che ha spalancato le porte a Vallefuoco in territorio sammarinese consentendogli di radicarsi nel nostro sistema, non può non esprimere un giudizio negativo rispetto a chi, in qualità di rappresentante delle Istituzioni, si è prestato a coltivare rapporti con persone afferenti al mondo della criminalità organizzata.

Leggi il Capitolo 5, le Conclusioni.

Leggi il primo resoconto diffuso da Smtv San Marino

Leggi il secondo resoconto diffuso da Smtv San Mairno

Leggi la ordinanza cautelare del gip di Napoli Isabella Iaselli con intercettazioni

 

 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy