San Marino. Rete: ‘Il doping del dottor Psyco a San Marino?’

ll movimento Rete ha depositato -presso la Segreteria Istituzionale- un’unterpellanza per richiedere chiarimenti rispetto al passato e al presente per quanto riguarda il versante sammarinese dell’attività di Vittorio Emanuele Bianchi, medico radiato dall’albo e finito agli arresti domiciliari.

Come può un medico radiato dall’albo (in ambito sportivo) e finito agli arresti domiciliari, esercitare indisturbato, da anni, a San Marino? Eppure Vittorio Emanuele Bianchi, noto medico riminese tra i protagonisti dell’inchiesta “Anabolandia” iniziata a seguito di un servizio di Striscia la Notizia, e finito agli arresti domiciliari nel 2011 insieme ad altre persone dell’industria farmaceutica Sandoz, pare collabori ininterrottamente con la Repubblica da tredici anni. Secondo i carabinieri del Nas di Bologna, che hanno portato avanti l’inchiesta “Anabolandia” coordinata dalla Procura di Rimini, Bianchi faceva parte di un’associazione a delinquere che, con la complicità di dirigenti, informatori scientifici ecc, era finalizzata a favorire la prescrizione, approvvigionamento e assunzione, anche nei confronti di minori, di ormoni, anabolizzanti, ecc.

(…) Nei progetti di Bianchi e dei rappresentanti della Sandoz c’era anche il progetto di trasferire tutta l’attività a San Marino ritenendo così di essere al riparo da inchieste convogliando in un centro medico appositamente realizzato tutti gli atleti e i culturisti seguiti dal medico. Non sappiamo se il centro medico sia stato realizzato, ma sembra comunque che il legame tra il dott. Bianchi e la Repubblica di San Marino esista da tanti anni. (…)

Leggi l‘articolo intero

Leggi l’interpellanza

Leggi la  nota del dott.  Vittorio Emanuele Bianchi (7/2/2015)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy