San Marino. Smac Card, l’Unas contro il Sindacato: ‘Terrorismo psicologico’

SAN MARINO. Una caccia alle streghe inaccettabile. Non si possono additare come evasori gli operatori senza Smac. Questo in sintesi il messaggio che Unas invia una nota contro chi ‘minaccia di alimentare lo scontro sociale’, dopo aver scritto lo scorso 12 gennaio lamentando comunque le difficoltà della stessa Smac.

(…) E’ inaccettabile la “caccia alle streghe” di un sindacato che “addita  come evasori gli operatori senza Smac”. Se infatti su oltre 4 mila esercenti, solo in 500 ne sono muniti, il problema è ben altro: “In un momento di difficoltà economica come questo, nessuna impresa può sostenere sconti imposti dallo Stato”. Loretta Menicucci, presidente dell’Unione Nazionale Artigiani Sammarinesi, striglia chi minaccia di lanciare campagne di boicottaggio per gli esercenti privi di Smac e alimenta lo scontro sociale: “E’ inaccettabile- manda a dire- leggere quotidianamente sui giornali la posizione del sindacato che fa terrorismo psicologico”. Dito puntato in particolare con chi ha fatto propria la battaglia per obbligare tutti i commercianti e operatori sammarinesi ad adottare il borsellino elettronico nazionale. Ma in questo modo, lamenta il presidente di Unas, si fa disinformazione e “si creano quotidianamente situazioni paradossali- spiega- nei negozi i clienti protestano anche con violenza perché non si ha Smac”. (…)

[Leggi Comunicato]


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy