San Marino. Titoli Demeter: ieri un’altra cedola 952.000 dollari

L’informazione di San Marino

Titoli Demeter, staccata ieri un’altra cedola 952.000 dollari

Ieri i titoli Demeter hanno staccato la terza cedola di interessi attivi a favore di Banca Centrale. I titoli sono quelli della famigerata operazione della quale si stanno interessando le carte giudiziarie e che sono al centro dello scontro politico. In tale caso si tratta di una cedola di 952mila dollari che si sommano ad altra cedola di pari importo staccata il 29 novembre 2017 più una cedola straordinaria pari a un milione di dollari. Ad oggi, quindi, le cedole staccate a favore di Bcsm ammontano complessivamente a 2.904.000 dollari. 

Secondo la ricostruzione dell’investimento che era stata effettuata da Rtv lo scorso dicembre, alla scadenza il flusso cedolare del titolo dovrebbe superare il 12 milioni di dollari. In questo quadro di flusso di interessi che al momento a quanto pare stanno rispecchiando le pattuizioni, Bcsm ha a suo tempo richiesto una perizia sui titoli effettuata da Kpmg, della quale non sono ancora noti i dettagli, pur avendo via del Voltone emesso un comunicato nel quale affermava che “Banca Centrale non ha subito alcun danno economico” dall’operazione. E’ pendente tuttavia, come noto, l’inchiesta giudiziaria del cosiddetto “caso titoli”, che ha fatto emergere in particolare con l’ultima  ordinanza diverse irregolarità o, quanto meno, dubbi sul modo di operare dell’ex direttore, sia per quanto riguarda il rispetto allo statuto, la prudente gestione e in particolare per i rapporti degli ex vertici di Bcsm con Francesco Confuorti, possessore di quei titoli dati in pegno presso BancaCis, per le modalità di acquisto dei titoli e i contestati conflitti di interessi.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy