San Marino. Tre dirigenze Bcsm, su Asset stessa valutazione

L’informazione di san Marino

“Su Asset stessa valutazione di tre dirigenze Bcsm” 

 Il Governo conferma: “Partite azioni di responsabilità per il management”.

Sugli sviluppi giudiziari del caso Asset il governo prende tempo, in attesa di leggere la sentenza, e mette in chiaro di non aver avuto alcun ruolo nel commissariamento. A margine della conferenza stampa di fine anno del congresso di Stato, tenutasi ieri a Palazzo Pubblico, rispondendo ai cronisti, i segretari di Stato per le Finanze, Eva Guidi, e per gli Affari Esteri, Nicola Renzi, chiariscono subito che prima di fare qualsiasi considerazione, aspettano di leggere la sentenza che ha accolto i ricorsi della vecchia proprietà dell’istituto contro il commissariamento e la liquidazione coatta decise da Banca centrale e dalla governance di allora, Grais-Savorelli. 

“Massimo rispetto per il lavoro della magistratura”, puntualizza quindi il segretario Guidi, per sottolineare subito dopo che “per Asset sono partite le azioni di responsabilità nei confronti del suo management”. “Riteniamo anche questo sia un passaggio importante- prosegue- per cui dobbiamo aspettare i vari gradi di giudizio che vanno avanti per decidere i prossimi passi da compiere”.

Il segretario Renzi mette quindi i confini tra l’azione di Banca centrale e delle istituzioni di governo.

“La questione Asset dal suo inizio fino ad oggi riguarda l’applicazione delle norme di vigilanza attuate da Banca centrale- chiarisce- la nostra legge impone che il Congresso di Stato e il parlamento non abbiano voce in capitolo sulla decisione di commissariamento degli istituti di credito”. Ricorda come la posizione di Via del Voltone sulla vicenda Asset, nonostante i cambi di vertice, resti coerente: “Tre diverse gestioni di Bcsm, Grais-Savorelli, Moretti-Mazzeo e quella attuale hanno sostenuto e mantenuto la stessa linea di valutazione di merito – spiega – tanto più che quest’ultima gestione ha dovuto prendere la decisione se fare o meno azioni responsabilità nei confronti della dirigenza di Asset Banca”.

Sul ricorso, “sarà poi Banca Centrale a decidere come procedere a tutela del suo operato pregresso e attuale – continua Renzi – il governo per parte sua nel tempo ha cercato di mettere in atto azioni volte a tutela dei risparmiatori e dei posti di lavoro del sistema bancario e finanziario”. Rispetto a eventuali timori per le possibili conseguenze su Cassa di Risparmio, in cui Asset è poi confluita, Guidi risponde piuttosto che le sue preoccupazioni sono dovute al fatto che “continui tutto questo clamore attorno al settore bancario”.

Il bollettino sulla raccolta, diffuso da Bcsm, da cui emerge una lieve ripresa, al contrario, “poteva far sperare in un periodo di serenità- aggiunge- che è quello che serve al settore”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy