San Marino. UPR: ‘Dal 27 gennaio siamo un Paese piu’ povero’

SAN MARINO. Buste paga leggere per tutti i dipendenti: segno che il Paese si sta indebolendo. Così Unione per la Repubblica in una nota – giunta all’indomani dei problemi evidenziati dai precari Oss e, qualche giorno fa, di quelli dei precari della scuola – evidenzia la realtà che sta vivendo il Titano, alla luce dei provvedimenti economici adottati dal Governo. Il giorno che ha sancito questa nuova realtà è il 27 gennaio 2014: la parola d’ordine – spiegano – è solo una, tagliare. 

(…) Con l’arrivo del 27 gennaio le buste paga di tutti i dipendenti sono diventate più “leggere” e quelle dei precari ancora di più! E’ il segno, ormai evidente a tutti, di un impoverimento del Paese che avrà effetti negativi a causa di un naturale contenimento dei consumi su tutta la comunità. (…) Non interessa a chi ci governa se tante persone hanno un mutuo da pagare, figli da mantenere agli studi, la parola d’ordine è: tagliare. (…) Grazie ai risultati eccellenti dei Governi che si sono succeduti in questi anni siamo a questo punto… ma non dobbiamo temere se tantissime società se ne sono andate e se ne stanno andando, se le imprese ci abbandonano, perché alle porte c’è il parco scientifico tecnologico, il rilancio del turismo e di tanti altri grandi eventi che ci daranno respiro!!!.. speriamo non sia l’ultimo … respiro appunto!  (…)

[Leggi Comunicato]


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy