San Marino verso lo Spazio Economico Europeo. Riflessione di Morganti (Psd)

Giuseppe Maria Morganti, Partito dei Socialisti e dei Democratici (coalizione Riforme e Libertà, minoranza in Consiglio Grande e Generale) ritiene una grande opportunità l’incontro di Antonella Mularoni, Segretario di Stato per gli Affari Esteri, con Benita Ferrero-Waldner, Commissario europeo alle relazioni esterne e politica europea di buon vicinato.
Finalmente San Marino guarda là dove avrebbe dovuto guardare già da almeno15 anni. L’incontro del Segretario di Stato per gli Affari Esteri e il Commissario europeo alle relazioni esterne e politica europea di buon vicinato, Benita Ferrero-Waldner, è quanto di più importante potesse capitare alla Repubblica di San Marino sotto il profilo politico, ma anche economico.
La proposta che arriva dalla stessa Unione Europea di un’adesione di San Marino allo Spazio Economico Europeo, sebbene poco sia stato fatto per sollecitarla, rappresenta un’occasione unica non solo per consentire alle nostre aziende, ai nostri giovani, ai nostri professionisti, finalmente di superare, almeno in parte, l’assurda barriera che li ha tenuti segregati ai margini dell’importante processo sociale dell’unità europea, ma anche di effettuare un passo politico di tutela della statualità della Repubblica che sta soffrendo moltissimo nell’esclusivo rapporto bilaterale con l’amica Italia, non riuscendo a fare emergere il peso specifico della sovranità di un, seppur piccolo, Stato.
Ho ascoltato con preoccupazione le parole del governo che mostrano estrema cautela rispetto alla proposta senza sbilanciarsi in una decisione. Mi auguro che questa occasione d’oro che si presenta non venga sprecata per ascoltare ancora una volta la voce di coloro che, per interesse, vogliono tenere San Marino ai margini della comunità internazionale.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy