San Marino. Violentata la storia e la cultura della comunità sammarinese

L’Informazione di San Marino, Marino Cecchetti sul Collegio Garante

Già nel marzo dell’anno scorso anno il Collegio Garante si è mosso nei confronti della Reggenza pro tempore con la  logica della  Corte Costituzionale italiana verso il Parlamento italiano.  Sta venendo allo scoperto la superficialità giuridico-culturale con cui in  questi ultimi decenni si è operato  sulle istituzioni  sammarinesi, con l’intento – per altro nobile e necessario – di modernizzarle.  San Marino, per tale modernizzazione,  si è avvalso esclusivamente di  ‘esperti’ italiani i quali hanno traferito qui impostazioni correnti in Italia o addirittura ‘di moda’ in Italia in quel momento, senza  una profonda  analisi  storico-culturale della realtà sammarinese, come aveva invece svolto a suo tempo, di fronte a una richiesta del genere, il luminare del costituzionalismo italiano Piero Calamandrei. 

San Marino non ha mai avuto un testo costituzionale e nemmeno un contesto culturale favorevole alla sua introduzione. Augusto Barbera, diversamente da Calamandrei, non ha esitato a intervenire, finendo per violentare, di fatto, la storia e la cultura della comunità sammarinese, come, ad esempio, appare – col senno del poi – la creazione sic et simpliciter del Collegio Garante. 

San Marino ne sta pagando le conseguenze. Ne abbiamo avuto la prova l’anno scorso, a proposito di un articolo del codice penale. Ne abbiamo la prova in questi giorni con la dichiarazione di ammissibilità, da parte del Collegio Garante, della richiesta di sottoporre a Sindacato una Reggenza accusata di aver promulgato una legge approvata dal Consiglio Grande e Generale.

La Reggenza, quando il Consiglio è riunito e decide, non può non renderne esecutivi i provvedimenti. Pur avendo un potere enorme, ‘assoluto’ per così dire, in assenza di Consiglio. Comunque mai sul Consiglio, il perno dello Stato sammarinese.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy