San Marino, Zechini. Mularoni, Esteri, si tira fuori

Monica Raschi di Il Resto del Carlino San Marino: Questione Zechini / La maggioranza rompe il rapporto fiduciario. Resta il mistero della lettera a Roma

Sulla formalizzazione della lettera inizia il primo mistero,
come quasi sempre succede a San Marino in queste occasioni: c’è chi
giura che è già stata inviata e chi ne smentisce categoricamente
l’esistenza.

Non manca poi chi fa i nomi dei ministri contrari a qualsiasi comunicazione a Roma (il segretario Fabio
Berardi
), quelli che avrebbero espresso una blanda perplessità (i segretari Marco
Arzilli
  e Valeria
Ciavatta
), mentre tutti gli altri sarebbero stati d’accordo nel
sottolineare la rottura del rapporto fiduciario tra comandante ed
esecutivo.

«Valuteremo con serenità la situazione e lo
faremo nell’interesse del Paese e non certo degli interessi
personali—fa notare il segretario agli Esteri,
Antonella
Mularoni
  che sottolinea di non essere mai stata a Roma per
questa questione —. La riorganizzazione dei corpi di polizia riguarderà
tutti i comandanti e contiamo di metterla in atto entro la fine di
quest’anno». Chi andrebbe eventualmente al posto del comandante Zechini?

I ben informati si sbilanciano: l’interim sarebbe retto, almeno per un periodo, dal maresciallo Stefano Bernacchia


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy