Sanità a San Marino, La Serenissima: “Bevere solleverà tutto il comitato esecutivo Iss o ricercherà un equilibrio interno?”

La Serenissima. Bevere solleverà tutto il comitato esecutivo o ricercherà un equilibrio interno?

Sembra proprio che durante gli incontri e la cena al Grand Hotel Primavera con Luigi Mazza e altri esponenti politici e medici si sia parlato anche di questioni contingenti, come la composizione della Consulta Socio Sanitaria con gli equilibri interni al gruppo socialista a farla da padrone rispetto alla figura del dott. Montanari, come la nomina del comitato esecutivo dell’Iss e quindi non solo di nuovo Ospedale e del rapporto con Bevere tramite Guido Carpani, esperto di Diritto Sanitario e collega universitario di Luigi Mazza, ex capogruppo Dc.

Ricordiamo, tra l’altro, che il dott.Manzaroli, mai citato da Serenissima, ha però tenuto a confermare, tramite un personale comunicato stampa, la sua presenza alla cena “Eravamo in un locale pubblico, con il gestore amico dell’opposizione e con avventori, fra i clienti, membri del Consiglio Grande e Generale…”. Interessante che il medico parli al plurale quando si riferisce ai politici, forse qualche smentita “composita” arrivata alla nostra redazione e’ da ritenersi simil “festino 1 Aprile”. Detto questo l’ex direttore sanitario, con grande esperienza presso l’Iss, intende dare il suo contributo nella ricostruzione della medicina di base estremamente in difficoltà. Sicuramente sarebbe auspicabile

L’equilibrio però che si vuole ricercare in maggioranza, ed è su questo che si concentra la strategia dei “commensali”, è riuscire a mantenere Rabini al suo posto all’interno del comitato esecutivo, concentrando le responsabilità al dott. Agostino Ceccarini, attuale responsabile della medicina di base. È chiaro che sarebbe però determinante la presa di distanze di Rabini e Forcellini da Ceccarini, in modo tale che un tentativo di cambiamento venga fatto. Non si sa però se questo può essere gradito al segretario alla Sanità che anche pubblicamente ha sempre ritenuto inadeguato l’attuale comitato esecutivo tanto da auspicare anche un cambio della normativa prevedendo una nuova riorganizzazione a livello logistico per l’Iss. È  chiaro che per la Dc l’allontanamento di Ceccarini e Rabini sarebbe un’enorme sconfitta politicamente e anche in termini di difficoltà nel riuscire a controllare l’operato di Rete presso l’ospedale. È altrettanto vero però, che Francesco Bevere, in tutto questo, è arrivato con la volontà di generare una importante discontinuità con il passato e quindi va chiarito se asseconderà gli equilibri, legittimi, politici, oppure no.

Domani avremo altre interessanti novità.

Articolo tratto da La Serenissima, pubblicato integralmente dopo le 23

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy