Smia, la Segreteria Industria precisa ancora

Comunicato stampa
SMIA: nessun intento speculativo
Ci vediamo costretti a tornare sull’argomento SMIA (San Marino International Airport S.p.A.) per ribadire e chiarire, speriamo definitivamente, un concetto molto semplice: la suddetta società nasce con l’unico intento di occuparsi delle attività relative al settore degli aeroporti.
L’articolo 4 comma 6 dello statuto della SMIA, contestato dai firmatari dei due comunicati stampa, è contenuto anche nello statuto di altri enti statali, l’esempio più recente è l’Ente poste. Si tratta di un comma che dà la possibilità di intestare all’Ente o alla società stessa la propria sede e fare in modo che essa possa costituire parte del capitale sociale. Si tratta di una possibilità, che potrebbe anche non venire sfruttata, ma è giusto che lo statuto la preveda. Evidentemente, non c’è alcun intento speculativo: non c’è alcuna intenzione di vendere immobili dello Stato, anche perchè, ribadiamo per l’ennesima volta, non è nell’oggetto della società.
Ai firmatari dei due comunicati stampa, che tacciano di mancata trasparenza, rispondiamo che invece la decisione di portare lo statuto della SMIA in Consiglio tramite decreto rappresenta invece proprio la massima volontà di trasparenza: in caso contrario sarebbe bastato costituire la società senza il passaggio in CGG.
Dispiace constatare ancora una volta un atteggiamento volutamente volto a confondere le acque, a disinformare ed esasperare gli animi.
San Marino, 4 settembre 2014

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy