Spazi verdi e inquinamento, Rimini maglia nera in regione

L’assessora all’Ambiente Anna Montini ottimista: «È vero, ci sono diverse carenze ma col progetto del nuovo lungomare nord e sud la situazione sicuramente migliorerà».

ADRIANO CESPI – Un territorio ad altissima densità abitativa: 387 abitanti per chilometro quadrato, contro i 198 abitanti per chilometro quadrato della regione Emilia Romagna e i 196 dell’Italia. Con il comune capoluogo in evidente difficoltà ambientale: poca disponibilità di verde urbano e un inquinamento oltre i livelli di soglia. E’ la fotografia, decisamente sbiadita, che traspare dal “Rapporto Bes 2021”, uno studio sulla misurazione del benessere equo e sostenibile sul quale hanno collaborato venticinque Province e sette Città metropolitane, di una Rimini “green” ancora di là da venire. Un fermo immagine di quanto ci sia ancora da fare per proiettare, al Paese, quell’immagine di capitale delle vacanze tutto mare, spiagge, ma anche e, soprattutto, ambiente incontaminato. «Ed è quello che ci siamo prefissi di fare. A cominciare dal Parco del mare», sottolinea l’assessora all’Ambiente del Comune di Rimini, Anna Montini.

Ma esaminiamoli questi dati. E facciamolo col documento “Bes” in mano. Dove, alla voce “Ambiente”, troviamo impressi numeri sorprendenti. Quelli di una disponibilità di verde pubblico praticamente dimezzata rispetto al resto della regione, ma anche più bassa dell’intero paese. (…)

Articolo tratto dal Corriere di Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy