Tokyo 2020 al via, i Giochi della rinascita sono cominciati

C’è un’atleta che corre sola, al centro dello Stadio Olimpico di Tokyo. Perché oggi il mondo riparte ma è la solitudine il sentimento che ha caratterizzato la vita recente del pianeta e soprattutto degli atleti.

Cinque anni dal saluto caldo di Rio, cinque anni lunghissimi che hanno portato le Olimpiadi 2020 al 2021 costringendo il Giappone al secondo grande sacrificio dopo la cancellazione dell’edizione ’48. È la prima edizione della storia ad essere disputata in un anno dispari e si apre con la prima Cerimonia olimpica senza pubblico. I boati sono timidi applausi ma così come l’atleta che corre sola al centro dello Stadio rinasce da un seme che diventa pianta e poi bosco e così come un cuore e un corpo umano fatti di corde e ballerini tornano a pulsare, Tokyo celebra soprattutto la rinascita, il trionfo della vita e della voglia di ricominciare sulla malattia e le difficoltà causate della pandemia.

È la seconda volta che Tokyo ricomincia dalle Olimpiadi, nel ’64 erano trascorsi meno di 20 anni dallo sgancio delle bombe di Hiroshima e Nagasaki e tornarono in Giappone anche i paesi che avevano firmato quei terribili ordini di distruzione. Oggi si ricomincia dopo la pandemia, si ricomincia da qui, dai fuochi d’artificio dello Stadio Olimpico, dai sorrisi dei volontari, dalla bellezza dell’arte e delle arti giapponesi messe al centro del grande show inaugurale ma soprattutto dalla passione indomabile degli atleti che sfilano uno dopo l’altro nelle loro divise multicolor, nei loro stili così diversi e unici, nei loro saluti alle telecamere, nei volti finalmente sereni, nelle bandiere tenute alte con orgoglio e passione in molti casi da un ragazzo e una ragazza, innovazione voluta quale segnale per l’integrazione. Perché dalle Olimpiadi, da sempre, partono segnali importanti e messaggi epocali.

Per San Marino ci sono Arianna Valloni e Myles Amine, così diversi nella loro fisicità, così felici nel loro avanzare all’interno dello stadio. Una giovane nuotatrice qualificata “last minute” pronta ad una sfida impari con le più forti al mondo, un lottatore figlio di migranti che ama i colori biancazzurri come solo chi vive così distante riesce ad amare. Myles sa che su di lui ci sono grande aspettative e non lo nega.

Dietro al fiero Capo Missione Federico Valentini ci sono Alessandra Perilli e Gian Marco Berti che diciamolo, sono le nostre star, e Paolo Persoglia che ha l’onore di portare il judo sammarinese dove il judo è nato. Sulle tribune i Capitani Reggenti accolgono i nostri ragazzi, il Paese li spinge attraverso il loro saluto all’impresa.

Il resto della Cerimonia è il giusto mix di tradizione e innovazione, la tradizione dei riti olimpici, gli alzabandiera del vessillo a cinque cerchi e di quello del Giappone, i giuramenti di giudici e atleti, il discorso del Presidente del CIO Thomas Bach e la formula di apertura dell’imperatore Naruhito, l’innovazione della tecnologia giapponese, balli, musica, colori, led e proiezioni. Poi i fuochi d’artificio. Boom. I Giochi sono iniziati, saranno Giochi senza dubbio complessi ma come tutti i Giochi Olimpici… unici. Il mondo ne colga l’essenza, il messaggio, la gioia.

Divertitevi come si diverte chi prende parte all’evento più importante al mondo. Anche se lo guardate da casa. E sostenete i nostri ragazzi, ne hanno bisogno.

Buona Olimpiade a tutti.

Alan Gasperoni

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario.

Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.

Puoi usare Paypal cliccando qui: paypal.me/libertas20

oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:

SM78R0606709802000020148782

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy