Tribunale di San Marino: domani il crac del Titano

Scrive Gian Maria Fuiano di Il Resto del Carlino: ‘Per la prima volta si apre una finestra ufficiale sul sistema bancario sammarinese: a spalancarla il Tribunale con la prima udienza del procedimento che vede sul banco degli imputati gli imprenditori marchigiani Stefano Marangoni e Maurizio Frezza, oltre al direttore della Banca,
Adriano Pace.
L’ipotesi accusatoria è di frode nei confronti della S.M. International Bank,
(l’ex Banca del Titano).
Tutto nasce da una
indagine della Guardia di Finanza di Ancona che ipotizzerebbe un coinvolgimento, a vario titolo, degli imputati nel crac appunto della Banca del Titano che a cavallo fra il 2006 e il 2007 fu al centro di numerose polemiche politiche.

Conclude Fuiano: ‘Arriva in aula una imbarazzante vicenda che parte da lontano e che domani riprenderà il suo iter, seppure con peculiarità diverse.
Al centro del dibattito c’è un vorticoso giro di assegni (10milioni di euro) utilizzati per operazioni effettuate con il

sistema ‘zero coupon’
, rimborsabile dopo 25 anni: ‘Accordi impossibili senza la complicità del direttore della banca’, si legge nel rinvio a giudizio
‘.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy