Tribunale di San Marino: rogatoria per Bacciocchi da Bologna

Al Tribunale della Repubblica di San Marino sarebbe arrivata, da Bologna,  una ulteriore rogatoria  riguardante l’avv. Livio Bacciocchi, agli arresti domiciliari a Riccione  su disposizione della Procura di Milano (concorso
in bancarotta fraudolenta
) ed accusato, a quanto pare, a San Marino, di appropriazione
indebita

Lo scrive Anna De Martino di Nuovo Quotidiano Cronaca di San Marino.

E’ dalla Procura di Bologna (Dda) che proprio a fine marzo, il 30, arriva una delle rogatorie internazionali a carico di Livio Bacciocchi, avvocato sammarinese agli arresti domiciliari a Riccione, per un’altra storia. Stavolta si indaga per estorsione aggravata e il nome di Bacciocchi compare insieme a quella di alcuni esponenti, Bruno Platone e Francesco Vallefuoco, arrestati del clan. La vittima è l’imprenditore sammarinese, M.B., le iniziali, vittima di estorsione. Ma se un cerchio si chiude, ce n’è un altro che si presenta: il rapimento lampo non sarebbe infatti riconducibile a M.B, ‘salvato’, grazie agli arresti Vulcano. Ma a un professionista sammarinese rimasto invischiato e che in qualche modo doveva dar conto di alcune somme per così dire ‘opache‘.

Vedi quanto detto a suo tempo da Roberto Alfonso
procuratore capo di Bologna. 

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette di
Ranfo

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy