venerdì 28 settembre 2007 00:00

Nascita del Movimento Democratici di Centro

Nascita del Movimento Democratici di Centro
NASCE IL MOVIMENTO DEI DEMOCRATICI DI CENTRO
Ieri sera, nella nuova sede di Borgo Maggiore, si è tenuta un’ affollata e attenta Assemblea, che ha formalizzato ufficialmente la costituzione del Movimento dei Democratici di Centro.
Dopo la formazione del Gruppo Consiliare autonomo, presieduto da Rosa Zafferani, avvenuta lo scorso 26 marzo, l’Assemblea di ieri sera chiude un percorso che, con gradualità, consente oggi di veder sorgere un nuovo soggetto politico capace di porsi come interlocutore e interprete forte, autorevole, credibile e coerente per i sammarinesi prima di tutto e, in particolare, per coloro che troveranno le auspicabili e naturali affinità con i valori e i propositi a cui la nuova forza farà riferimento, a partire dalla ricostruzione di un dinamico centro di governo, che scommetta decisamente sull’innovazione nel campo dell’economia, delle relazioni sociali, delle istituzioni, delle regole del gioco e di una inderogabile dimensione europea della politica.
I Democratici di Centro nascono per fare sì che la politica possa finalmente cambiare rotta, dato che, oggi più di ieri, si registra diffusamente un rapporto sempre difficile con l’opinione pubblica e con le istituzioni. Anche a San Marino si avverte infatti una delusione assai estesa, a cui occorre rispondere con un incessante e coraggioso processo riformatore, per superare le difficoltà competitive del nostro sistema paese e agganciare il mondo che corre. L'attuale sistema politico è entrato in una crisi seria e profonda. La fragilità dei Governi che si sono succeduti dal 1998 ad oggi ha reso di fatto impossibile l'attuazione di riforme strutturali, provocando una pericolosa perdita di competitività del nostro Stato. A rendere ancora più instabile il quadro politico-istituzionale è intervenuta una inusuale quanto scellerata personalizzazione della politica, che blocca la Repubblica e che vede i Partiti tradizionali sempre più in crisi di rappresentanza.
Con la sua costituzione, il Movimento dei Democratici di Centro si assume il compito di individuare una via d'uscita dalla crisi del sistema politico, per cui si adopererà per riaffermare la centralità del rispetto delle regole democratiche al proprio interno, ma soprattutto aprirà il proprio orizzonte per riunire le sensibilità di tutti coloro che, nella società civile, nel mondo del volontariato e dell'associazionismo, della cultura, dell'economia e della politica, si riconoscono nell'analisi sulla crisi del sistema attuale e concordano su una soluzione che restituisca centralità alla grande area dei moderati, dei popolari e dei riformisti, che nel Paese è da sempre maggioritaria. I Democratici di Centro si pongono come punto di riferimento e di guida verso un approdo più ampio e ambizioso.
Rispetto all’attuale situazione politica i Democratici di Centro confermano il proprio ruolo di opposizione costruttiva, ma incalzante, verso l’azione del Governo. Esprimono una forte preoccupazione per la complessità del quadro politico, in cui si sta manifestando la difficoltà non solo numerica, ma soprattutto politica, della maggioranza. Proprio per questo i Democratici di Centro avvertono con forza la necessità di fornire il proprio contributo costruttivo, che però trovi coincidenza con un chiaro progetto politico di prospettiva e non con la ricerca di qualche “puntello” teso solo a mantenere in piedi una situazione già precaria.
L’Assemblea ha poi proceduto alla nomina per acclamazione degli Organismi direttivi, tra cui il Presidente dell’Assemblea, individuato in Orazio Mazza, e il Coordinatore, incarico conferito a Giovanni Lonfernini.
Orazio Mazza ha subito ringraziato gli amici per la fiducia dimostrata e ha rilevato come “il Movimento nasca dall’esigenza di recupero della credibilità della politica, dopo l’evidente fallimento delle ideologie”. E ha aggiunto: ”Una politica credibile è quella che rischia e si assume le responsabilità di fronte al paese, senza trasformismi o ricerca di alibi”.
Lonfernini, dopo la sua nomina a Coordinatore, ha dichiarato: “ per noi il nuovo centro politico deve essere in grado di rispondere a tre domande: la modernizzazione del Paese, ponendo fine ad una politica troppo spesso demagogica e compiacente che, ad esempio nel 2002, ci ha portato a svegliarci dal sonno e a scoprire un debito pubblico consistente, che insieme all’amico Mularoni abbiamo ereditato e contributo attivamente a risanare; la questione morale, che non ci è indifferente e che intendiamo affrontare presentando al paese una classe dirigente con le carte in regola; il rispetto delle idee altrui, mettendo fine al periodo degli uomini della provvidenza e aprendo, invece, spazi alla crescita di una nuova classe dirigente”.
L’Assemblea ha poi provveduto alla nomina degli altri Organismi direttivi previsti dallo Statuto e, in particolare, il Gruppo di Coordinamento, il Collegio dei Garanti, il Gruppo Giovani, il Direttore del periodico “Voci dal Centro” e il Responsabile per i rapporti con le Associazioni economiche e di categoria.
Questi, nello specifico, tutti gli incarichi assegnati o confermati:
Presidente dell’ Assemblea degli aderenti: Orazio Mazza.
Coordinatore del Movimento: Giovanni Lonfernini.
Presidente del Gruppo Consigliare: Rosa Zafferani.
Gruppo di Coordinamento: Pier Marino Mularoni, Cesare Antonio Gasperoni, Paola Colombini, Renzo Guidi, Remo Giancecchi, Alessandro Bianchini, Luciano Cardelli, Massimo Moraccini, Sante Canducci, Giorgio Zonzini, Pier Luigi Mularoni, Lorenzo Gasperoni, Marino Gaspari.
Collegio dei Garanti: Piersante Battistini, Fabio Muraccini, Giacomo Burgagni.
Direttore del periodico “Voci dal Centro”: Pier Roberto De Biagi.
Responsabile dei rapporti con le Associazioni economiche e di categoria: Giorgio Giordani.
Responsabili del Gruppo Giovani: Davide Bartolini, Matteo Gasperoni, Fabio Andreini.
San Marino, 28 Settembre 2007
DEMOCRATICI DI CENTRO