martedì 27 luglio 2021 03:23
IL CASO

Caos green pass, Speranza: "Con San Marino dobbiamo trovare al più presto una soluzione" - VIDEO

Caos green pass, Speranza:

"Essendo San Marino per noi un partner fondamentale dobbiamo sederci con loro e trovare al più presto una soluzione".

Il Ministro Roberto Speranza è tornato a parlare così in pubblico della paradossale situazione di San Marino sul tema del green pass: pur essendo in larghissima parte vaccinati, ai sammarinesi non viene riconosciuto il lascia passare. In questo modo, se nulla dovesse cambiare,  i cittadini del Titano si vedranno costretti ad effettuare un tampone ogni 48 per effettuare molte attività in Italia anche se immunizzati. E non si parla solo di vacanze o cene al chiuso, ma anche di lavoro e studio.

Le dichiarazioni di Speranza su San Marino sono state rilasciate dal palco di Unica, la festa nazionale di Articolo Uno, il suo partito, che si è svolta nei giorni scorsi a Bologna, durante il dibattito "Quello che ci unisce: il mondo che cambia, l’Europa, i beni comuni" in cui il ministro alla Salute è stato protagonista insieme all'ex Premier Romano Prodi.

 

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Libertas.sm (@libertas.sm)

Ed è stato proprio Prodi a sollevare pubblicamente la questione sammarinese, parlando del vaccino russo. "Dicevo prima al ministro che ci sono anche delle situazioni particolari - ha detto l'ex leader del centrosinistra italiano sorridendo - Ad esempio a San Marino sono stati vaccinati con il vaccino russo che è efficacissimo ma non è riconosciuto ed i poveretti sono nei pasticci che non sanno come fare. Qui occorrono tutti i coordinamenti possibili e immaginabili. Ma qui ci pensa il ministro" ha concluso lanciando la palla a Speranza.

Il titolare della sanità italiana si è detto concorde sul fatto che "dobbiamo trovare una soluzione". "Il vaccino russo non è approvato da Ema - ha ribadito - e questo è un problema. Però essendo San Marino per noi un partner fondamentale dobbiamo sederci con loro e trovare al più presto una soluzione".

Di certo il tempo scorre veloce, visto che il green pass entrerà in vigore ufficialmente da venerdì 6 agosto. Ma già per i sammarinesi sono iniziati i disagi. Soprattutto per chi viaggia, per lavoro o piacere. C'è chi si è visto costretto a disdire le vacanze già prenotate, oppure chi dovrà sottoporsi a tampone - a proprie spese - nonostante il vaccino, per recarsi a fiere e congressi.

Per questo, mentre il malcontento cresce tra la popolazione, il governo di San Marino si è affrettato a rassicurare sul fatto che "continuerà a dialogare con l’esecutivo italiano affinché l’uso di un vaccino non Ema non sia un ostacolo per l’accesso dei sammarinesi a determinati servizi pubblici italiani", sottolineando che anche il Green Pass di San Marino "avrà valenza europea". Ancora però non si sa quando.

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui: paypal.me/libertas20
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782