8 marzo, Osla: “Donne e lavoro, una sfida ancora aperta”

OSLA, Organizzazione Sammarinese degli Imprenditori, in occasione dell’8 marzo, sottolinea l’importanza del ruolo della donna nel mondo del lavoro.

“Molti studi – scrive l’associazione in una nota – hanno dimostrato che il loro ruolo ha un impatto significativo sullo sviluppo e sulla crescita di un Paese.

Purtroppo esistono ancora disuguaglianze che riguardano prima di tutto la partecipazione al
mercato del lavoro, il raggiungimento di un equilibrio armonico tra lavoro e vita privata,
la rappresentanza femminile in importanti posizioni aziendali e manageriali e la distribuzione del
lavoro di cura della famiglia.
Il principio giuridico di  pari opportunità prevede essenzialmente che tutte le donne abbiano diritto ad
accedere a qualunque lavoro in condizioni di parità rispetto agli uomini e che possano contare sul
medesimo trattamento, non solo economico ma anche in termini di possibilità di crescita
professionale garantendo anche il loro fondamentale ruolo all’interno della famiglia e della
comunità.
Come Associazione datoriale OSLA sta lavorando, di concerto con le Segreterie di Stato competenti,
all’introduzione di misure in grado di facilitare la partecipazione delle donne al mondo lavorativo ed in
particolare al mondo imprenditoriale. Oggi vi sono ancora ostacoli concreti allo svolgimento di attività
in proprio da parte di donna, in particolare da parte di madri che non sempre trovano i necessari
sostegni per conciliare la vita lavorativa, specialmente da imprenditrici, con gli impegni famigliari.
Si sta portando avanti, insieme alla Segreteria di Stato con delega alla Famiglia, una riforma
complessiva della normativa a supporto della famiglia. In questo ambito OSLA ha richiesto
interventi volti a semplificare la sostituzione di lavoratrici in maternità e maggiori opportunità per le
lavoratrici autonomi e le imprenditrici in gravidanza e durante i primi anni di vita del figlio.

Creare le condizioni per la partecipazione attiva delle donne al mondo imprenditoriale non può essere
visto come un costo ma come un investimento in grado di liberare energie e risorse per lo
sviluppo economico del Paese. Non a caso i sistemi economici più evoluti sono proprio quelli nei
quali le donne trovano maggiore partecipazione sia al mondo del lavoro come lavoratrici sia come
imprenditrici, nonché come figure di responsabilità in ruoli chiave delle amministrazioni.
OSLA è inoltre fiera di poter rappresentare un numero crescente di donne imprenditrici, non
solo tra i proprio associati ma anche all’interno dei propri organi direzionali.

Consapevoli che ancora ci sia tanto da fare per permettere una piena partecipazione al mondo
economico da parte delle donne, OSLA continuerà a supportare l’imprenditoria femminile e a
contribuire ad un percorso culturale e di riforme in questo senso, convinti che la creatività e la tenacia
che spesso caratterizza le donne imprenditrici sia una risorsa per l’intero Paese” conclude la nota.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy