Abusi sulla figlia di sei anni, imprenditore di Rimini finisce alla sbarra

Per un decennio il 53enne avrebbe molestato la minore che alla fine ha trovato la forza di raccontare tutto.

L’orco si nascondeva proprio lì, tra le mura di casa. Una bambina innocente, di soli sei anni, è un padre che l’avrebbe obbligata ad assistere a scene di autoerotismo, spingendosi – secondo la ricostruzione degli inquirenti – ad abusare di lei. È una storia da film dell’orrore quella attorno a cui orbita un processo che si è aperto ieri mattina davanti ai giudici del Collegio di Rimini. Sul banco degli imputati c’è un imprenditore riminese di 53 anni, accusato di aver messo in atto molestie a sfondo sessuale ai danni della figlioletta, in un lasso di tempo che va dal 2008 e arriva al 2017. Un incubo che, sostiene la procura, sarebbe cominciato quando la piccola andava ancora alle scuole elementari per poi proseguire durante l’adolescenza, tra le continue e morbose attenzioni del padre. (…)

Articolo tratto dal Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy