Angioplastica: l’azienda Usl di Rimini con 270 è la seconda in Italia per numeri di trattamenti dell’infarto

Nel 2007 l’Azienda Usl di Rimini è la seconda in Italia per numero di trattamenti dell’infarto miocardio acuto con angioplastica: ne sono state effettuati 270 (prima è Bologna con quasi 400), il che, in relazione anche alle contenute dimensioni del territorio, è un evidente riconoscimento del valore dell’attività dei professionisti e delle strutture riminesi. In virtù di tali performance, la mortalità per patologie miocardiche improvvise è scesa sensibilimente negli ultimi anni: in provincia di Rimini si è passati da una mortalità di 401 persone ogni centomila abitanti a 289 ogni centomila abitanti (il chè significa comunque un centinaio di decessi l’anno). La mortalità riminese è più bassa rispetto a quella media regionale.
Sono alcuni dei dati evidenziati nel corso della conferenza stampa tenutasi stamane nello studio del dottor Giancarlo Piovaccari, all’Ospedale ‘Infermi’ di Rimini, organizzata per rendere noti i dati relativi all’attività della cardiologia riminese.

L’Unità Operativa di Cardiologia dell’Ospedale ‘Infermi’ di Rimini ha iniziato l’attività di Emodinamica diagnostica ed interventistica nel 1999, raggiungendo nel 2007 una casistica di 1.600 coronarografie diagnostiche e mille angioplastiche primarie l’anno, configurandosi come centro di riferimento non solo per l’intero territorio provinciale, ma anche per varie zone limitrofe e la Repubblica di San Marino.

Quella riminese, come altre strutture d’eccellenza, invero numerose in Italia, possono mantenere tale alto livello grazie alla ricerca. Perciò è assai importante la campagna ‘Accendi il tuo Cuore per la ricerca, che prosegue fino a domenica 15, di cui si allegano ulteriori materiali, e nell’ambito della quale il dottor Giancarlo Piovaccari, direttore del Dipartimento delle Malattie Cardiovascolari dell’A.Usl di Rimini, nonché presidente regionale dell’Emilia Romagna dell’Associazione Nazionale Cardiologi Ospedalieri, sarà ricevuto domani alle ore 17,30 dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. ‘Il presidente – spiega il dottor Piovaccari – premierà il professor Rovelli di Milano, l’autore della ricerca Gissi, che nel 1986 su pubblicata su Lancet e portò l’Italia ad un livello d’eccellenza nel campo cardiologico. Come presidente dell’Anmco dell’Emilia Romagna sono stato invitato e verranno anche il Direttore Generale dell’A.Usl di Rimini dottor Marcello Tonini, il coordinatore dell’Area Vasta Romagna, direttore dell’Ausl di Ravenna dottor Tiziano Carradori, e altri cardiologi della Romagna e di Bologna’.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy