Cassa di Risparmio di San Marino. Il processo Varano riparte da capo.

DA SAN MARINO RTV Processo Varano, si ricomincia tutto daccapo nella vicenda che tredici anni fa vide l’arresto degli allora vertici Carisp.
Con una ordinanza durissima il tribunale di Forlì ha stabilito la nullità del decreto di citazione a giudizio con ritrasmissione degli atti al Pubblico Ministero, che dovrà riformulare l’imputazione. Il processo iniziò a Forlì esattamente dieci anni dopo l’esplosione del caso Carisp, con l’arresto all’alba del 4 maggio 2009 degli allora vertici della banca, per la partecipazione nel gruppo bolognese Delta, specializzato nel credito al consumo.

(…)  Guido Magnisi, difensore dell’ex vicedirettore Carisp Vladimiro Renzi e di due dipendenti, il tribunale, “con un’ordinanza puntuale e approfondita ha dichiarato la nullità del decreto di citazione a giudizio, ritenendo l’incolpazione così come formulata non sufficientemente chiara né precisa, restituendo gli atti alla Procura per la formulazione del capo d’imputazione ex novo”.

(…)  “Una vicenda – ha dichiarato il legale di Mario Fantini e Paola Stanzani, Massimiliano Annetta – che ha distrutto vite non solo professionali e dispersi e investimenti per miliardi di euro. La presunzione di non colpevolezza è diventata legge in Italia e credo che questa vicenda debba insegnare a tutti che contano più le sentenze dei magistrati che le indagini dei pubblici ministeri” (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy