Il crocifisso conteso tra Italia e San Marino torna al proprietario Angelo Boccardelli

Il Gip del Tribunale di Rimini ha rigettato la richiesta di confisca. A breve la restituzione.

Ci sono voluti altri nove mesi dal “pronunciamento” degli esperti, ma finalmente la vicenda del presunto crocifisso in legno possibile opera di Michelangelo Buonarroti è arrivata al capitolo conclusivo.

Il Gip del Tribunale di Rimini Benedetta Vitolo, preso atto delle conclusioni del perito il dottor Luca Annibaldi e delle osservazioni del ministero dei Beni culturali, ha rigettato la richiesta di confisca e disposto la restituzione della “statuetta” custodita in una cassetta della Banca centrale della Repubblica di San Marino ad Angelo Boccardelli il legittimo proprietario. (…)

Articolo tratto dal Corriere di Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy