KOSOVO, A POCHE ORE DALL’INDIPENDENZA

Mentre la provincia del Kosovo al 90% albanese si prepara a dichiarare l’indipendenza, fervono i preparativi degli Stati membri dell’Ue, che nelle scorse ore hanno approvato il piano di invio di una forza di polizia e di giustizia, costituita da 2.000 uomini tra membri internazionali e locali, insieme ad un amministratore civile europeo.
La missione sarà confermata, salvo ritiro del consenso di uno dei 27 Paesi membri dell’Ue.

Nelle scorse settimane la questione kosovara è stata al centro della critica della Russia, che sostiene l’illegalità della missione. Critica che l’Ue, invece, respinge, affermando che la risoluzione n. 1244 del Consiglio di Sicurezza Onu non solo è la base legale della missione stessa, ma richiama anche il rapporto del segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon del 3 gennaio scorso.

Lo scopo del dispiegamento di queste forze è di monitorare la situazione in Kossovo all’indomani della dichiarazione di indipendenza dalla Serbia, oltre ad esercitare poteri esecutivi limitati in materia di criminalità organizzata, corruzione e criminalità di guerra.
All’Ue, che amministrerà la missione per circa 6 mesi, subentrerà l’Onu con un mandato di circa 16 mesi, prorogabile.

Aderiscono all’iniziativa anche Stati non membri dell’Ue, quali Stati Uniti, Turchia, Svizzera, Croazia e Norvegia.

Non condividono la scelta di indipendenza del Kosovo la Russia e la Serbia. Secondo Kostunica tale decisione potrebbe compromettere la futura entrata della Serbia nell’Ue.

Altri sei Paesi come Cipro, Grecia, Slovacchia, Spagna, Bulgaria e Romania dovrebbero riconoscere l’indipendenza della provincia del Kosovo solo in un secondo momento.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy