L’Informazione di San Marino. Libera stampa? ‘Coscienze chiuse.. nel cAsset’. Antonio Fabbri

Antonio Fabbri – L’Informazione di San Marino: Coscienze chiuse…nel cAsset 

SAN MARINO. Lo dicevano il Venerabile e i suoi che controllare il panorama dell’informazione era uno dei primi passaggi per gestire il potere in un Paese. Se a San Marino si sia arrivati a certi livelli è difficile dirlo, ma il panorama informativo è in fermento. Più per addormentare le coscienze che per dare le notizie. Il cerchio sembra chiudersi con l’agenzia di stampa. Saltato il piano di Asset, almeno momentaneamente, per finanziare “La Tribuna” con il tramite della proposta della Associazione Bancaria Sammarinese a tutti gli istituti di credito, la tendenza a creare un blocco informativo allineato rimane. Qualcuno la strategia sembra avercela ben chiara, magari non le seconde o terze file che fanno parte della scacchiera, ma il quadro dei rapporti è palese. E questo va bene al governo, indaffarato a dare di San Marino una immagine indorata e di rinascita, e va bene a buona parte dell’opposizione che pur di non perdere i buoni uffici dei giornali che si autocitano e si autolodano, su queste cose preferisce non intervenire.  (…)

Leggi l’intero articolo pubblicato il giorno 11


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy