Marino Cecchetti su L’Informazione di San Marino: La gara per chiedere i danni allo Stato, e … non far nulla

L’Informazione di San Marino

La gara per
chiedere i danni.

Marino Cecchetti 

Pare che si stia scatenando una gara fra i partiti e di governo e di
opposizione per ordinare all’Avvocatura dello Stato di avviare in Tribunale le
azioni per il recupero di qualsiasi danno arrecato allo Stato. Si cita, a
dimostrazione della buona fede, una delibera
del Congresso di Stato del 24 aprile 2007
.

Tale delibera fu emessa, fra l’altro, per recuperare il danno allo Stato
(oltre
16 milioni di euro
) arrecato da Banca del Titano. Non fu messa, però, in
esecuzione. Il 25 ottobre di quello stesso 2007, con il placet di Banca
Centrale, la Bdt fu venduta a 3 euro. Nell’atto, firmato anche dal Presidente di
Banca Centrale, è scritto che lo Stato, nonostante i 16 milioni, non
era creditore
. Infatti lo Stato non ha mai recuperato nulla. Invano l’avv.
Alvaro Selva suggerì di promuovere azioni verso i soci
. Anzi,
successivamente, Bdt, quando prese il nome di Smib, fu – su ‘indicazione’ della
politica? – beneficiata da Banca Centrale con un altro bel
pacchetto di milioni
.

 

E,
su Bdt-Smib,  perfino una decisione del
Consiglio G. e G. presa all’unanimità il 20
luglio 2012
è caduta nel vuoto: ordinava all’Avvocatura
dello Stato di intervenire
.

Centinaia di milioni  di euro stanno uscendo  dall’erario pubblico verso diverse  banche, praticamente a fondo perduto, con lo stratagemma
del credito di imposta
.   E per  un ammontare ancora da definire perché  praticamente
ad libitum delle banche stesse
.

Centinaia di milioni di euro
sono da recuperare
per la monofase
. Lo Stato ha 30
anni per intervenire
. Ma sta facendo nulla. Non è andato in prescrizione,
ai fini del recupero, nemmeno  Long Drink.

Si sono schierati per il
recupero dei danni arrecati allo Stato (salvo errori od omissioni): Ap, C10,
Rete, Ns, Psd.  Manca la Dc.

La Dc non c’è.

Allora  la
Dc si riscatti   con un gesto  concreto:   diffonda
 (lo  fece 
per Bdt!
)  i documenti
relativi al passaggio di proprietà di Banca Commerciale Sammarinese, come  chiesto, fra altri, dall’ex
Presidente di detta Banca, Emilio Della Balda
.  Vanno 
pubblicati quei documenti perché lo Stato ha fatto un esborso che Banca
Centrale ha promesso di quantificare fin dal giugno
2012
. Quei documenti finora non sono noti  perché 
i sottoscrittori  (fra cui i rappresentanti  delle pubbliche istituzioni!) hanno accettato
quanto  segue: “Le Parti   espressamente
esonerano  il Notaio
che autentica le
firme qui di seguito apposte
da ogni obbligo di registrazione della presente
scrittura
”.

Quei documenti pare che siano
stati negati anche al Consiglio dei XII, che avrebbe preso delle decisioni, per
così dire, al buio. È vero?

Perché i partiti invece di continuare
negli annunci non passano davvero all’azione?    

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy