San Marino. Riciclaggio, si rischia che debba essere lo Stato a retrocedere i soldi sporchi.

Antonio Fabbri L’informazione di San Marino: Riciclaggio, si rischia che debba essere lo Stato a retrocedere i soldi sporchi / Dopo le eclatanti assoluzioni, se si dovesse giungere anche alla revisione della confisca, si arriverebbe al paradosso che lo stesso Stato, che li ha accertati come illeciti, finirebbe per riconsegnare i denari all’autore del reato

SAN MARINO. Le recenti sentenze definitive in materia di riciclaggio che, pur assolvendo l’imputato, hanno confermato la confisca dei denari sotto sequestro, spesso per svariati milioni di euro, hanno acceso la miccia della battaglia legale del processo di revisione. E’ stata proposta una istanza di revisione del processo davanti al giudice per i rimedi straordinari.

La vicenda “apripista” Il caso specifico, che potrebbe fare da apripista ad altri con esito analogo, è quello delle sorelle Balsamo che, assolte in appello per insufficienza di prove in ordine all’elemento psicologico del reato, il dolo, si sono viste però confermare la confisca di 1.920.785,50 euro già sequestrati più 499.000 euro per equivalente, che anche il giudice di appello ha confermato come accertato frutto di reato, nella fattispecie gli illeciti commessi dal padre delle due ragazze. (…)

Leggi l’intero articolo di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 22.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy