Rimini. «Un giorno per salvare il capriolo Federico»

«Un giorno per salvare il capriolo Federico»

Oltre 120 animalisti protestano e fermano l’abbattimento. Ma ora è corsa contro il tempo. L’Enpa: «Le autorità ci hanno dato 24-48 ore»

Il grilletto non verrà premuto, almeno per ora. Il movimento che le associazioni ambientaliste hanno provocato nel volgere di poche ore nella giornata di mercoledì ha avuto il merito di sospendere l’abbattimento del capriolo che da oltre un anno vive all’interno della superficie recintata dell’aeroporto di Rimini. Il capriolo da ieri ha anche un nome, lo hanno chiamato Federico. «Ci sembrava logico visto che da quand’era piccolo vive all’interno dell’aeroporto che porta il nome del regista» spiega Uliana Vergoni dell’associazione Dna Rimini. Lei, come tanti altri volontari di Enpa Rimini, Animal Freedom, Gaia ed anche Fondazione Cetacea, attraverso il passaparola si sono affollati fin dalla serata di mercoledì a ridosso delle reti di recinzione che si trovano vicino alla pista, sul lato riccionese. Erano oltre 120. Mentre il veicolo si muoveva all’interno per cercare di abbattere l’animale, gli animalisti hanno cominciato a fare rumore, accendere i fari delle auto, così da sabotare le operazioni (…)

Articolo tratto da Resto del Carlino

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui: paypal.me/libertas20
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy