Rimini. Botte e minacce in famiglia, un incubo lungo 8 anni per la donna

Il marito orco la picchiava e aizzava i figli contro di lei. Botte, minacce anche con la pistola: per la donna un incubo lungo 8 anni. L’uomo ha portato sulla cattiva strada i ragazzi, coinvolti con lui in spaccio e rapine

MANUEL SPADAZZI – Le aveva reso la vita un inferno. Botte, insulti, minacce di morte. Era riuscito a mettere contro di lei anche i due figli della coppia, portandoli sulla “cattiva strada”. Uno dei due a soli 12 anni fumava già marijuana, poi si è messo a spacciare insieme al padre e sempre con lui ha fatto una rapina a mano armata in un supermercato. Sotto la sua influenza, ragazzo era arrivato a minacciare la madre, “accusata” di averli denunciati per spaccio: “Tu non hai capito che io sono peggio di papà. Prima o poi dovrai chiudere gli occhi e ti ammazzerò”. Un incubo che la donna, oggi quarantenne, ha dovuto sopportare per anni. Fino a quando l’uomo non è tornato in carcere. E l’altro ieri è arrivata per lui, difeso dall’avvocato Liana Lotti, una condanna esemplare: 8 anni di pena e multa da 9mila euro per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate, estorsione, mentre il pm Davide Ercolani aveva chiesto 10 anni di reclusione. L’uomo è stato anche condannato a risarcire l’ex moglie, assistita dal legale Veronica Magnani. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy